Corso modalità on line – Il lupo in Italia: situazione attuale e prospettive future – 16.01.2021

Per saperne di più
Categoria: Corsi Aggiornamento
Luogo:

Il lupo in Italia: situazione attuale e prospettive future
In collaborazione con: Museo Storia Naturale della Maremma; WildUmbria; Hyla group; Guide Trek Alps.
Patrocinio: Ministero dell’Ambiente – Associazione Teriologica italiana – PEFC
Formatori: vari (vedi dettaglio programma più in basso)

Il webinar si svolge in modalità on line sul canale YouTube del Comune di Spoleto.

Codice corso aggiornamento: 065086-21
Crediti formativi: riconoscimento di 2 crediti formativi ai soci AIGAE

Data: 16 gennaio 2021 alle ore 14:30
Durata ore corso: 4 ore.

Corso aperto a tutti.

Costo: la partecipazione è gratuita.

Prenotazionie_mail: valledaosta@aigae.org


Descrizione:
sabato 16 gennaio 2021 dalle ore 14:30 alle ore 19, si terrà la diretta sul canale YouTube del Comune di Spoleto il convegno nazionale “Il Lupo in Italia: conoscenze attuali e prospettive future” con studiosi di fama internazionale, ricercatori e rappresentanti di diverse istituzioni italiane.
Il Comitato scientifico del Convegno è composto da Federica Andreini, Lolita Bizzarri, Francesca Vercillo, Andrea Sforzi, Cristiano Spilinga.
L’Ente organizzatore è il Comune di Spoleto in collaborazione con il Museo di Storia Naturale della Maremma con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, PEFC e dell’Associazione Teriologica Italiana.

Programma:

14.30 – Saluti delle autorità (Moderatore: Andrea Sforzi, Museo di Storia Naturale della Maremma),
14.50 – Piero Genovesi (ISPRA) Il Programma di monitoraggio nazionale del lupo in Italia: il progetto, gli obiettivi, i risultati attesi,
15.10 –  Antonino Siclari (Parco Nazionale dell’Aspromonte) Conv ivere con il lupo nel Sud Italia: conoscere per preservare,
15.30 –  Simone Angelucci (Parco Nazionale della Majella) Esperienze di ricerca e gestione della coesistenza lupo/attività zootecniche nel Parco Nazionale della Majella,
15.50 –  Francesca Vercillo (WildUmbria) e Andrea Mandrici (Arcadia SIT) Dal 1977 al 2017: gli studi di Bernardino Ragni sul lupo,
16.10 –  Proiezione del video: “”Dalla collezione Ragni al Museo delle Scienze e del Territorio di Spoleto”,
16.15 –  Luca Convito (Regione Umbria) Status del lupo in Umbria,
16.35 – Duccio Berzi (Canis lupus Italia) La telemetria “proattiva” applicata al lupo: esperienze e prospettive di applicazioni future,
16.55 – Valeria Salvadori (IEA), La piattaforma locale grandi carnivori: una esperienza locale di interesse internazionale,
17.15 – Julia Stauder (EURAC) Il progetto Life “LifestockProtect”,
17.35 – Francesca Marucco (Università di Torino) Status e conservazione del lupo nell’arco alpino,
17.55 – l’attore Claudio Trionfi leggerà alcuni brani tratti dalle pubblicazioni di Bernardino Ragni sul lupo e chiusura dei lavori.

A tre anni dalla sua scomparsa, dopo il successo delle prime edizioni, si rinnova anche questa volta l’omaggio a Bernardino Ragni (Spoleto 1946-2018) zoologo che ha speso la sua esistenza allo studio e alla conoscenza della fauna selvatica.
Una passione nata da ragazzo e che è stata poi trasferita nel suo lavoro di professore presso l’Università degli Studi di Perugia allo scopo di proteggere e conservare le specie animali e gli ambienti in cui essi vivono.
Bernardino Ragni, già ricercatore di Biologia animale e professore di Zoologia ambientale e di Gestione faunistica presso l’Università degli Studi di Perugia, esperto di biologia e conservazione dei tetrapodi, uso sostenibile e conservazione delle risorse naturali viventi, del paesaggio e del territorio, è stato autore e coautore di oltre 160 pubblicazioni scientifiche e specialistiche, membro della Species Survival Commission e del Cat Specialist Group dell’IUCN, The World Conservation Union, nonché fondatore della Società di Biologia Ambientale.


Informazioni:
Per prendere parte al convegno è necessario iscriversi inviando una richiesta via e_mail all’indirizzo valledaosta@aigae.org in seguito al quale riceverete il link per assistere al webinar.
Per ricevere i crediti formativi professionali sarà necessaria la registrazione in chat con nome cognome e numero tessera.


Se non sei socio e vuoi essere aggiornato su AIGAE e il mondo delle guide, iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER